Fecondazione in Vitro FIVET

L’inizio della vita

Cosa è la fecondazione in vitro?

La fecondazione in Vitro (FIVET) è una tecnica di riproduzione assistita in cui l’unione dell’ovulo con lo spermatozoo avviene in laboratorio (da qui il nome “in vitro”). Lo scopo è ottenere embrioni, che in seguito vengono trasferiti nell’utero materno. Se si produce la gestazione, questa evolverà in modo naturale, come qualsiasi altra gravidanza.

 

Chi può trarre beneficio dalla FIVET?

La FIVET è rivolta a coloro che riscontrano delle criticità con la fecondazione naturale e che incontrano difficoltà nel concepimento. Le cause sono varie e possono essere legate a patologie femminili, all’età o a problematiche di carattere genetico.

Con questo trattamento, anche le donne che soffrono di endometriosi severa, che presentano patologie tubariche oppure che si sono sottoposte con insuccesso a più tentativi di inseminazione, possono incrementare notevolmente le possibilità di fecondazione.

Anche le coppie dove l’uomo ha una bassa qualità spermatica hanno la possibilità di scegliere la fecondazione in vitro come soluzione ideale.

 

Link rapidi

Fecondazione in vitro: come funziona?

 

Step 1: Stimolazione OvaricaStep 1: Stimolazione ovarica

Dopo alcune visite mediche e conseguente diagnosi si può iniziare il trattamento FIVET. Si inizia con la stimolazione ovarica, che permette una crescita multipla dei follicoli attraverso una terapia personalizzata.

Solitamente, alla FIV si associa un trattamento ormonale per stimolare lo sviluppo di più di un ovulo. L’ideale sarebbe riuscire ad ottenere circa 8-10 follicoli tra entrambe le ovaie per aumentare le possibilità di avere un embrione idoneo all’impianto.

Questa prima procedura non è obbligatoria perché in alcuni casi gli specialisti preferiscono basarsi sul ciclo naturale della donna.

 

 

Step 2: Prelievo ovocitario

Il secondo step è chiamato prelievo ovocitario o pick-up e solitamente viene eseguito sottoponendo la paziente a un’anestesia leggera.

 

 

 

Step 3: Raccolta e selezione spermatozoi

In seguito viene raccolto il liquido seminale del componente maschile della coppia (o di un donatore in caso di patologie legate alla produzione di spermatozoi).

I tecnici del laboratorio provvederanno a selezionare gli spermatozoi più idonei e a creare l’ambiente per la fecondazione in vitro.

 

 

Fecondazione ovociti in piastra di coltura

Step 4: Fecondazione spontanea in piastra di coltura

Nello specifico spermatozoi e ovuli vengono sistemati su una piastra di coltura, sulla quale avverrà la fecondazione spontanea.

Per permettere la crescita degli embrioni, è necessario mantenerli in un ambiente di coltura adeguato, che presenti dei parametri precisi in relazione a temperatura, oscurità, pH e nutrienti di base.

 

 

Osservazione dello sviluppoStep 5: Monitoraggio e osservazione dello sviluppo

Il laboratorio di embriologia e riproduzione assistita di Fertilab è in in grado di creare le condizioni ambientali ideali per aumentare le loro probabilità di sviluppo.

 

 

 

Transfer nell'uteroStep 6: Transfer nell’utero

Il terzo giorno l’embrione di solito presenta 8 cellule che racchiudono la stessa informazione genetica. A partire da questo momento gli embrioni hanno bisogno di altre sostanze e fattori di crescita, pertanto è il momento migliore per il loro transfer nell’utero.

 

 

 

I vantaggi della fecondazione in vitro

La FIVET presenta molti vantaggi per tutte quelle coppie che incontrano una serie di difficoltà legate alla fecondazione.

Rispetto ad altre tecniche, la fecondazione in vitro permette anche alle donne con problematiche come le tube di falloppio bloccate, l’endometriosi severa, e agli uomini con azoospermia e altre criticità nei parametri seminali, di riuscire nel concepimento.

 

Percentuali di successo Fivet

Fertilab è un centro all’avanguardia, e le percentuali di successo dei nostri trattamenti FIVET lo dimostrano. Clicca qui per vedere le percentuali di successo per FIVET con ovodonazione e FIVET con ovociti propri.