1. Home
  2. »
  3. Studio della fertilità
  4. »
  5. Cos’è lo spermiogramma?

Cos’è lo spermiogramma?

Dott.ssa Priscilla Andrade

Dott.ssa Priscilla Andrade

Ginecologa presso Clinica Fertilab Barcelona

Se stai cercando di avere un figlio e vuoi avere tutte le informazioni necessarie per capire se sei fertile, allora è importante effettuare lo spermiogramma. Il test consente di valutare la qualità del liquido seminale. Questo test diagnostica possibili disfunzioni o problemi nel flusso sanguigno maschile, dandoti le informazioni necessarie per avere successo nella tua ricerca di diventare padre.

Link rapidi

La prevenzione è fondamentale per assicurarsi che la salute maschile rimanga al massimo livello e che non ci siano problemi durante la gravidanza. Pertanto, si consiglia di effettuare un esame dello spermiogramma prima di iniziare il tentativo di concepimento. Non solo quest’ultimo fornisce dati importantissimi sulla fertilità maschile, ma ti risparmierà anche tempo e fatica più avanti nel processo. Ecco tutti i dettagli sull’esame dello spermiogramma e perché è importante effettuarlo.

 

Infertilità maschile, di cosa si tratta e cause

L’infertilità maschile è una condizione medica caratterizzata da una ridotta o assente capacità di concepire, di portare a termine una gravidanza. Si verifica in circa il 15-20% dei casi di infertilità e può essere causata da diversi fattori, tra cui la qualità del liquido seminale bassa, problemi nella produzione degli spermatozoi o nel loro trasferimento nell’apparato riproduttivo femminile.

Gli specialisti possono avere difficoltà ad individuare le cause specifiche per l’infertilità maschile e richiedere un attento esame per determinare i potenziali problemi che possono aver causato l’impossibilità di concepire. L’infertilità maschile molto comune: secondo le statistiche, infatti, circa un uomo su sette è affetto da questa patologia. Le cause all’origine dell’infertilità nell’uomo sono generalmente di tipo fisiologico; in particolare, possono essere ricondotte a difetti nella produzione o nella qualità degli spermatozoi.

A tal proposito, si riscontrano casi di astenozoospermia (riduzione del numero degli spermatozoi) e teratozoospermia (alterazioni strutturali degli spermatozoi). Un altro elemento che può incidere negativamente sulla fertilità maschile è l’insufficienza testicolare, ovvero l’incapacità della ghiandola di produrre gli ormoni necessari per la sintesi degli spermatozoi. Altre condizioni fisiologiche che possono portare a infertilità sono disordini genetici come la sindrome di Klinefelter o anomalie nell’apparato riproduttivo maschile.

 

Spermiogramma, un esame per la fertilità

Lo spermiogramma, noto anche come analisi del liquido seminale, è un esame clinicamente necessario per determinare la fertilità maschile. Si tratta di un test diagnostico utilizzato per valutare il numero, la forma e la motilità degli spermatozoi; tutti aspetti importanti della fertilità. Lo spermiogramma può aiutare nella diagnosi di problemi di infertilità maschile e può anche avere implicazioni nella prevenzione delle malattie genetiche o dello sviluppo embrionale. La semina viene effettuata su un campione di liquido seminale.

Il risultato sarà confrontabile con i range finiti in modo da consentire al medico curante di giudicare se c’è qualche anomalia nel numero e/o nella qualità degli spermatozoi prodotti dal paziente. Uno spermiogramma è un test semplice e indolore che serve a determinare la qualità e quantità degli spermatozoi presenti nello sperma maschile. Grazie a questo esame, i medici possono valutare la fertilità di un uomo e decidere se è necessario ricorrere alla fecondazione assistita per poter avere un figlio.

Uno spermiogramma può anche essere utile per diagnosticare eventuali disturbi che causano infertilità, come l’astenoteriospermia o l’oligospermia. Inoltre, può rivelare eventuali problemi di salute più gravi, come ad esempio il cancro alla prostata o altri tumori genitali maschili.

 

Quando viene prescritto?

Lo spermiogramma è un esame di laboratorio utilizzato per valutare il numero, la motilità e la morfologia degli spermatozoi. Si tratta di una procedura che fornisce informazioni sulla fertilità maschile.

Viene solitamente prescritto a uomini che desiderano diventare padri oppure a quelli che hanno dei problemi di infertilitàI risultati ottenuti vengono poi confrontati con dei standard internazionalmente riconosciuti per determinare se le capacità riproduttive dell’uomo sono veramente normali o meno. Lo spermiogramma viene spesso eseguito insieme ad altri test clinici ed è fondamentalmente una parte molto importante del processo diagnostico associato all’infertilità maschile.

Oltre alla concentrazione degli spermatozoi, l’esame misura anche il pH del liquido seminale, volume di sperma prodotto in un periodo di tempo dato e numero totale di spermatozoi nel campione. L’interpretazione dei risultati può fornire preziose informazioni sulla salute riproduttiva maschile per il medico curante e consentire al paziente di prendere decisioni più consapevoli sul proprio futuro riproduttivo.

 

Come si svolge lo spermiogramma

L’esame colturale viene eseguito come parte dello spermiogramma, per valutare eventuali infezioni o alterazioni del liquido seminale. Il campione di liquido seminale viene posto in provette sterili e quindi trasferito in una piastra con mezzi di coltura specifici. A questo punto, vengono aggiunti reagenti coloranti, che aiutano a identificare la presenza di microorganismi patogeni.

Successivamente, le provette vengono incubate a temperature precise per consentire la crescita delle cellule batteriche in essa contenute. Dopo alcune ore (generalmente 24 ore), le colture vengono analizzate al microscopio oggettivo e l’eventuale presenza di microorganismi patogeni viene verificata. Se presente il microorganismo è possibile individuarne la specie ed effettuare ulteriori test per determinare l’antibiotico o altro farmaco adeguato da somministrare al paziente affetto da infezione.

A volte, può essere richiesto anche un altro test specifico sugli spermatozoi, come ad esempio una colorazione di Wright o lo studio dell’acrosoma citoplasmatico. Queste tecniche, insieme allo spermiogramma classico, consentono di determinare le caratteristiche di forma e motilità degli spermatozoi e la concentrazione totale dello sperma.

Queste analisi sono importantissime per individuare eventuali problemi nella funzionalità riproduttiva maschile ed identificare possibili cause d’infertilità o disfunzione erettile.

Quando si effettua uno spermiogramma, è importante essere consapevoli di eventuali risultati negativi che potrebbero indicare problematiche sottostanti. Nel caso in cui l’analisi evidenzi esiti non corretti o basso numero di spermatozoi nello sperma, è possibile che sussista un problema maschile di fertilità. In questo caso, si consiglia di contattare immediatamente un medico o un andrologo per indagare sulla causa ed eventualmente suggerire trattamenti mirati.

Lo spermiogramma è un prezioso strumento diagnostico per valutare la qualità dello sperma e avere informazioni più complete sulla salute dell’uomo; pertanto, nel caso in cui i risultati indicassero anomalie significative, è necessario rivolgersi all’esperto del settore per chiarire dubbi e preoccupazioni.

Lo spermiogramma è una procedura diagnostica comune nella gestione dell’infertilità maschile. Si tratta di un test di laboratorio che valuta la qualità e le caratteristiche dello sperma. Prepararsi per uno spermiogramma è un passo importante verso la procreazione di un bambino. Una buona preparazione può aiutare a ottenere risultati più accurati e comprensibili, aumentando le possibilità di successo.

Prima dello spermiogramma, gli uomini devono astenersi dall’attività sessuale per almeno 2-3 giorni. Allo stesso tempo, evita gli alcolici, le bevande con caffeina, gli antidolorifici e altri farmaci che potrebbero influire sulla qualità dello sperma prodotto. Si consiglia anche di non fumare nelle 24 ore precedenti alla raccolta del campione poiché questa abitudine può compromettere la produzione di spermatozoi.

 

Una questione di prevenzione

La prevenzione della salute maschile è un tema importante per garantire che gli uomini siano in grado di raggiungere la loro massima fertilità. Un passo importante verso la prevenzione è lo spermiogramma, un esame molto semplice e accessibile che misura la qualità del liquido seminale. Lo spermiogramma può aiutare a identificare eventuali problemi di infertilità.

In molti casi, questo esame può anche individuare fattori ambientali o stili di vita non salutari che possono contribuire a ridurre la qualità degli spermatozoi. Prendersi cura della propria salute è fondamentale ed effettuare regolarmente lo spermiogramma può contribuire notevolmente all’ottimizzazione della salute maschile. Nel complesso, la ricerca di infezioni e microorganismi nel liquido seminale è un aspetto importante della diagnosi e della gestione delle patologie maschili.

Uno spermiogramma può identificare le anomalie più comuni che possono influenzare la capacità riproduttiva maschile, ma l’esame colturale ha un ruolo fondamentale per verificare eventuali infezioni. Una diagnosi precoce e precisa può avere effetti significativi sulla gestione della patologia, come il miglioramento delle condizioni di salute ed il rischio di trasmissione sessuale.

Pertanto, è fondamentale che tutti i pazienti maschi sottoposti ad uno spermiogramma con problemi riproduttivi si facciano esaminare anche per lo studio degli agenti patogeni associati a queste situazioni.

 

Uno studio recente sulle cause dell’infertilità

Un recente studio condotto dall’Università degli Studi di Brescia, dal Prof. Francesco Donato e dal Dottor Luigi Montano, ha indagato sui fattori che possono influire negativamente sulla fertilità maschile. Tra questi, risultano essere l’inquinamento, una scarsa alimentazione ed una inadeguata attività fisica. Lo studio è stato svolto in tre diversi territori: Brescia, la terra dei fuochi (il territorio compreso tra Napoli e Caserta) e la Valle del Sele.

I risultati ottenuti hanno dimostrato come sia possibile porre rimedio ad una situazione ambientale potenzialmente pericolosa per la salute, anche attraverso l’adozione di una dieta sana e bilanciata come quella mediterranea. Questa è un’ulteriore conferma del fatto che lo sperma può essere considerato a tutti gli effetti un indicatore dello stato di salute generale.

L’abuso di alcol e il tabagismo sono dovuti ad abitudini molto dannose per la fertilità maschile. Un recente studio del Ministero della Salute ha rivelato che l’alcol può avere effetti negativi sulla motilità, produzione e vitalità degli spermatozoi. Lo stress può anche contribuire alla disfunzione della fertilità maschile, poiché può portare a una riduzione dei livelli di testosterone e influenzare il volume, la motilità e la concentrazione degli spermatozoi. Inoltre, un’altra ricerca ha dimostrato che l’esposizione a sostanze chimiche come pesticidi, metalli pesanti e solventi industriali può anche contribuire alla riduzione della fertilità maschile.

Autore
Dott.ssa Priscilla Andrade

Dott.ssa Priscilla Andrade

Ginecologa presso Clinica Fertilab Barcelona

Data di pubblicazione
24 Dicembre 2022
Data di aggiornamento
24 Dicembre 2022

Articoli correlati

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Compila il modulo e ti ricontatteremo in brevissimo tempo.

BABY Ferti Programma di gravidanza garantita
BABY Ferti - Programma di gravidanza garantita con Ovodonazione
Il tuo bimbo a casa o ti rimborsiamo il 100% dell'importo.
Scopri di più