1. Home
  2. »
  3. Gravidanza
  4. »
  5. Fibromi e Gravidanza

Fibromi e Gravidanza

Dott.ssa Priscilla Andrade

Dott.ssa Priscilla Andrade

Ginecologa presso Clinica Fertilab Barcelona

I fibromi sono tumori che si sviluppano dal tessuto muscolare dell’utero. Non sono cancerogeni e possono variare nelle dimensioni, da piccoli come un pisello a grandi come un pompelmo. Questi possono crescere all’esterno della parete uterina, all’interno della cavità uterina o nella parete uterina stessa. Moltissime donne hanno più fibromi di dimensioni differenti.

Link rapidi

Si stima che tra il 40 e il 60% delle donne abbia fibromi all’età di 35 anni, percentuale che sale fino all’80% a 50 anni. Tuttavia, non è sempre facile rilevare i fibromi durante la gravidanza, poiché è difficile per i medici distinguerli dall’ispessimento dei muscoli dell’utero che si verifica in gravidanza. Per questo motivo, si pensa che il numero di casi noti sia inferiore a quello effettivo.

La maggior parte delle donne a cui vengono diagnosticati fibromi ha una gravidanza normale, ma a volte possono causare problemi.

Il fibroma uterino (anche noto come mioma o leiomiofibroma) è un tumore non canceroso dell’utero, che si sviluppa dalle cellule muscolari lisce e dal tessuto fibroso dell’utero. A forma arrotondata, può variare da pochi millimetri a diverse decine di centimetri.

 

In base alla loro posizione nell’utero, esistono quattro tipi di fibromi:

  • Fibroma sottomucoso o intracavitario, situato totalmente o parzialmente sulla parete della cavità uterina;
  • Fibroma interstiziale o intramurale, generalmente situato nello spessore del muscolo uterino (il miometrio);
  • Fibroma sottosieroso, situato all’esterno dell’utero e sviluppatosi nella cavità peritoneale;
  • Fibroma peduncolato, situato alla periferia dell’utero e attaccato da un peduncolo sottile.

 

In alcuni casi, possono combinare diversi tipi di profili. Un fibroma intramurale può essere parzialmente sottosieroso o sottomucoso.

 

Fibromi durante il primo trimestre

La maggior parte dei fibromi non cresce durante la gravidanza, ma se ciò accade, è molto probabile che ciò avvenga nei primi tre mesi (primo trimestre). Questo perché i fibromi necessitano di ormoni chiamati estrogeni per svilupparsi, e il corpo ne produce di più durante la gravidanza.

I principali problemi che possono sorgere sono:

  • Sanguinamenti e dolori. In uno studio su oltre 4.500 donne, i ricercatori hanno scoperto che l’11% delle donne con fibromi aveva anche sanguinamenti, e il 59% aveva solo dolori. Tuttavia, il 30% delle donne ha avuto sia sanguinamenti che dolori durante il primo trimestre.
  • Aborto spontaneo. Le donne con fibromi sono molto più propense a un aborto spontaneo all’inizio della gravidanza rispetto a donne senza fibromi. E se si hanno più fibromi o fibromi molto grandi, il rischio aumenta ancora di più.

 

 

Secondo e terzo trimestre

Quando l’utero si sviluppa per fare spazio al bambino, può spingere contro i fibromi.

Questo può causare vari problemi durante la gravidanza:

  • Dolore. È il sintomo più comune dei fibromi, specialmente se sono grandi. A volte, i fibromi si torcono, causando crampi e disagi. In altri casi, il fibroma diventa troppo grande per il suo approvvigionamento di sangue, diventa rosso e muore. Questo processo, chiamato “degenerazione rossa”, può causare forti dolori addominali. In alcuni casi, può portare a un aborto spontaneo. Farmaci da banco come il paracetamolo possono alleviare il dolore. Si suggerisce di evitare l’ibuprofene all’inizio della gravidanza, perché può causare problemi durante la gestazione e anche durante il terzo trimestre. Potrebbe provocare un aborto spontaneo, ridurre la quantità di liquido amniotico o causare problemi cardiaci nel tuo bambino.
  • Distacco della placenta. Studi in corso suggeriscono che le donne incinte con fibromi presentano un rischio molto più elevato di distacco della placenta rispetto alle donne senza fibromi. Questo significa che la placenta potrebbe staccarsi dalla parete dell’utero prima del parto. Questa è una situazione molto grave, poiché il bambino non riceverebbe abbastanza ossigeno e e si potrebbe verificare un’emorragia abbondante.
  • Parto pretermine. Se hai fibromi, potresti essere più soggetta a parto prematuro – cioè prima delle 37 settimane di gravidanza – rispetto alle donne senza fibromi.

 

 

Durante il parto

Molti studi mostrano che la presenza di fibromi uterini aumenta il rischio di cesareo. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che i fibromi impediscono all’utero di contrarsi e possono anche bloccare il canale del parto, rallentando così il progresso del lavoro. Le donne con fibromi hanno sei volte più probabilità rispetto ad altre donne di dover subire un cesareo.

 

Dopo il parto

I fibromi spesso si riducono dopo la gravidanza. In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che, 3 a 6 mesi dopo il parto, il 70% delle donne che avevano dato alla luce un bambino ha visto i loro fibromi diminuire di più del 50%.

 

Rischi fetali legati ai fibromi

In generale, il rischio per il bambino in crescita è basso. Se hai fibromi grandi o molteplici, monitoreremo attentamente alcuni problemi potenziali:

  • Placenta anormale: I fibromi sono stati associati alla placenta previa (impianto della placenta sul collo dell’utero) e al distacco della placenta (separazione prematura della placenta dall’utero). Il tuo medico può utilizzare un’ecografia per controllare la placenta durante la gravidanza.
  • Crescita dei fibromi: Le ricerche suggeriscono che circa due terzi dei fibromi cresceranno o si ridurranno durante la gravidanza. Se avviene una crescita, solitamente è durante il primo trimestre. Il tuo ginecologo può verificare la dimensione dei tuoi fibromi con un’ecografia per monitorare i cambiamenti e valutare la crescita del tuo bambino. Ad oggi, le ricerche non hanno dimostrato una correlazione assoluta tra i fibromi e il ritardo di crescita fetale.
  • Posizione podalica: Se i tuoi fibromi limitano lo spazio nell’utero, il tuo bambino potrebbe presentarsi in posizione podalica, cioè con il sedere o i piedi prima della testa. Con l’aiuto di un’ecografia e di un esame fisico, monitoriamo la posizione del bambino man mano che ti avvicini alla data prevista. Se il tuo bambino non ha la testa rivolta verso il basso, il tuo medico potrebbe raccomandare un parto cesareo.
  • Parto pretermine: Una presenza significativa di fibromi può mettere sotto stress l’utero, causando contrazioni premature o una rottura prematura delle membrane (quando perdi le acque prima di 37 settimane) e un parto successivo. È importante contattare il tuo ginecologo se pensi di essere in travaglio o di perdere liquido.

 

Autore
Dott.ssa Priscilla Andrade

Dott.ssa Priscilla Andrade

Ginecologa presso Clinica Fertilab Barcelona

Data di pubblicazione
21 Giugno 2023
Data di aggiornamento
23 Ottobre 2023

Articoli correlati

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Compila il modulo e ti ricontatteremo in brevissimo tempo.

BABY Ferti Programma di gravidanza garantita
BABY Ferti - Programma di gravidanza garantita con Ovodonazione
Il tuo bimbo a casa o ti rimborsiamo il 100% dell'importo.
Scopri di più