1. Home
  2. »
  3. Gravidanza
  4. »
  5. Perdite da impianto: cosa sono e perché si presentano

Perdite da impianto: cosa sono e perché si presentano

Dott.ssa Priscilla Andrade

Dott.ssa Priscilla Andrade

Ginecologa presso Clinica Fertilab Barcelona

Le perdite da impianto possono verificarsi nelle fasi iniziali della gravidanza e possono essere fonte di preoccupazione per molte donne in stato di gravidanza. Prima di approfondire questo fenomeno è importante chiarire che le perdite da impianto non rappresentano un problema o una condizione patologica, ma sono il più delle volte un fenomeno del tutto naturale legato al processo di fecondazione e di annidamento dell’embrione nell’utero.

Nel mondo della fertilità, le perdite da impianto rappresentano un segno precoce di gravidanza, sebbene non tutte le donne le sperimentino. Nonostante la loro frequente sottovalutazione, le perdite da impianto meritano attenzione perché possono aiutare a capire meglio il proprio corpo e le sue risposte ai processi riproduttivi. Infatti, molte donne potrebbero confonderle con un ciclo mestruale leggero o irregolare.

Questo articolo vi guiderà attraverso una serie di temi correlati alle perdite da impianto, spiegando in termini chiari e accessibili cosa sono le perdite da impianto, perché si verificano, come distinguere i loro sintomi e come possono essere diagnosticate. Il nostro obiettivo è di dissipare i dubbi e le incertezze, fornendo informazioni accurate e utili per aiutarvi a comprendere meglio questo fenomeno. Sia che siate alla ricerca di una gravidanza, sia che abbiate semplicemente incontrato questo termine e vogliate capirne di più, speriamo che questo articolo possa essere un valido punto di riferimento.

Link rapidi

Cosa sono le perdite da impianto

Le perdite da impianto sono piccole perdite di sangue che possono verificarsi quando l’embrione, dopo essere stato fecondato si impianta nella parete dell’utero. Questo fenomeno può verificarsi generalmente tra i 6 e i 12 giorni dopo l’ovulazione, ovvero quando l’ovulo rilasciato dalle ovaie viene fecondato dallo spermatozoo.

Il motivo per cui possono verificarsi le perdite da impianto è legato al processo di annidamento dell’embrione. Quando l’embrione si attacca all’endometrio, la mucosa che riveste l’interno dell’utero può causare piccoli disordini nel flusso sanguigno locale. Questo può generare leggere perdite di sangue che vengono poi espulse attraverso la vagina.

È importante ribadire che le perdite da impianto non sono un segno di problema o una condizione patologica. Si tratta di un fenomeno del tutto naturale e, in alcuni casi, può essere uno dei primi segnali di una gravidanza in corso. Tuttavia, non tutte le donne che rimangono incinte sperimentano le perdite da impianto. Inoltre, le donne che le sperimentano queste perdite possono notare differenze nel colore, nella quantità e nella durata delle perdite da una gravidanza all’altra.

 

Leggi il nostro approfondimento sul processo di nidazione, detto anche annidamento dell’embrione. 

 

Sintomi delle perdite da impianto

I segni e sintomi delle perdite da impianto possono variare da donna a donna e da gravidanza a gravidanza. Comunque, vi sono alcuni indizi comuni che possono suggerire la presenza di questo fenomeno:

  • Perdita di sangue o spotting:
    Il colore di questa perdita può variare dal rosa pallido al marrone scuro. Contrariamente alle mestruazioni, le perdite da impianto tendono ad essere leggere e durano solitamente per un paio di giorni, anche se la durata può variare.
  • Dolori addominali:
    Insieme alla perdita di sangue, alcune donne potrebbero sperimentare leggeri dolori addominali o crampi. Questi crampi possono essere simili a quelli sperimentati durante le mestruazioni, ma tendono ad essere più leggeri. È importante ricordare che le perdite da impianto possono essere facilmente confuse con le mestruazioni, specialmente se una donna ha cicli mestruali irregolari, tuttavia ci sono alcune differenze chiave tra i due fenomeni, per esempio le perdite da impianto si verificano tipicamente prima del ciclo mestruale e sono meno abbondanti.
  • Aumento della temperatura basale:
    Inoltre, alcune donne potrebbero notare un aumento della temperatura basale del corpo o altri sintomi comuni della gravidanza, come la stanchezza o la sensazione di nausea subito dopo le perdite da impianto. Tuttavia, queste sono indicazioni generiche che possono essere presenti anche in altre circostanze, non solo in caso di gravidanza.

Se sospettate di avere delle perdite da impianto, ma non siete sicure, è sempre consigliabile consultare un medico o un professionista sanitario. Loro potranno aiutarvi a interpretare i vostri sintomi e a capire se potreste essere incinte o se ci potrebbe essere un’altra causa per i vostri sintomi.

 

Differenza tra perdite da impianto e mestruazioni

Capire la differenza tra le perdite da impianto e le mestruazioni può essere fondamentale per identificare precocemente una gravidanza. Nonostante entrambe possano presentarsi come una perdita di sangue vaginale, ci sono alcune differenze chiave da tenere a mente.

Prima di tutto, il timing. Le perdite da impianto si verificano generalmente una decina di giorni dopo l’ovulazione, quindi possono apparire prima del previsto inizio del ciclo mestruale. D’altra parte, le mestruazioni seguono un ciclo più prevedibile, che per la maggior parte delle donne è di circa 28 giorni, anche se può variare.

In secondo luogo, le caratteristiche della perdita. Le perdite da impianto sono generalmente più leggere rispetto alle mestruazioni e tendono ad essere di colore rosa pallido o marrone. Inoltre, durano di solito non più di tre giorni, mentre le mestruazioni durano mediamente tra i 3 e i 7 giorni.

Infine, la presenza di altri sintomi può aiutare a fare la distinzione. Durante le mestruazioni, molte donne sperimentano sintomi come gonfiore addominale, dolori mestruali intensi o sbalzi d’umore. D’altra parte, le perdite da impianto possono essere accompagnate da sintomi più lievi, come leggeri crampi o un aumento della temperatura basale del corpo.

È importante sottolineare che queste differenze non sono sempre chiare o presenti in tutte le donne. Se avete dei dubbi, il consiglio è sempre quello di consultare un medico o un professionista sanitario.

 

Quando si verificano le perdite da impianto

Le perdite da impianto sono uno dei primi segnali potenziali di una gravidanza. Di solito, si verificano circa 6-12 giorni dopo la fecondazione dell’ovulo. Questo è il periodo di tempo necessario affinché l’embrione viaggi attraverso la tuba di Falloppio e si impianti nell’endometrio, la mucosa che riveste l’utero.

La ragione per cui si verificano le perdite da impianto in questo momento è dovuta al fatto che l’embrione, una volta raggiunto l’utero, deve ‘ancorarsi’ all’endometrio per poter crescere e svilupparsi. Durante questo processo di annidamento, piccole quantità di sangue possono essere rilasciate, risultando in una perdita da impianto.

Il timing delle perdite da impianto può variare da donna a donna e da gravidanza a gravidanza. In alcuni casi, possono avvenire prima dell’atteso inizio delle mestruazioni, portando alcune donne a confonderle con un ciclo mestruale anticipato o irregolare. In altri casi, possono avvenire contemporaneamente o dopo il previsto inizio delle mestruazioni, rendendo difficile la distinzione.

È importante ricordare che non tutte le donne che rimangono incinte sperimentano le perdite da impianto. Inoltre, le donne che le sperimentano possono notare differenze nel colore, nella quantità e nella durata delle perdite da una gravidanza all’altra. Se avete dei dubbi, il consiglio è sempre quello di consultare un medico o un professionista sanitario.

 

Possibili errori di interpretazione

Identificare correttamente le perdite da impianto può essere una sfida. Non solo perché si presentano come una perdita di sangue vaginale, similmente alle mestruazioni, ma anche perché possono essere confuse con altre condizioni mediche.

Uno degli errori più comuni è confondere le perdite da impianto con un ciclo mestruale anticipato o irregolare. Questo può accadere soprattutto se le perdite da impianto si verificano prima del previsto inizio delle mestruazioni. Tuttavia, come abbiamo discusso nel paragrafo precedente, ci sono varie differenze tra le due che possono aiutare a distinguerle.

Un altro possibile errore di interpretazione può essere confondere le perdite da impianto con una perdita da gravidanza o un sanguinamento dovuto a condizioni mediche diverse, come l’endometriosi o le infezioni vaginali. In questi casi, la perdita di sangue può essere accompagnata da altri sintomi come dolore pelvico, febbre o perdite vaginali anomale. Se si sperimentano questi sintomi, è importante cercare immediatamente assistenza medica.

Infine, è importante ricordare che le perdite da impianto non sono un segno affidabile di gravidanza per tutte le donne, poiché non tutte le donne incinte le sperimentano. Pertanto, se si sospetta una gravidanza, il modo più sicuro per confermarla è eseguire un test di gravidanza.

Di fronte a qualsiasi dubbio o preoccupazione, il consiglio è sempre quello di consultare un medico o un professionista sanitario. Loro saranno in grado di aiutarvi a interpretare i vostri sintomi e a determinare la causa delle vostre perdite di sangue.

 

Diagnosi e test

Se sospettate di avere avuto delle perdite da impianto e pensate di poter essere incinte, ci sono vari modi in cui un medico o un professionista sanitario può confermare questa diagnosi.

Test di gravidanza

Uno dei modi più comuni è attraverso un test di gravidanza domiciliare. Questi test rilevano la presenza dell’ormone dell’unità gonadotropa corionica umana (hCG) nelle urine, che è prodotto dall’embrione dopo l’impianto. Di solito, questi test possono rilevare la gravidanza a partire da un giorno dopo la mancata mestruazione. Tuttavia, per una diagnosi più accurata, potrebbe essere utile attendere una settimana dopo la mancata mestruazione prima di eseguire il test.

In alcuni casi, il medico potrebbe consigliare un test del sangue per confermare la gravidanza. Questi test possono rilevare la gravidanza prima dei test di gravidanza domiciliari, perché possono rilevare livelli più bassi di hCG. Inoltre, possono fornire una stima più precisa di quanto sia avanzata la gravidanza.

Infine, se siete incerte o se avete avuto risultati di test di gravidanza contrastanti, il medico potrebbe consigliare un’ecografia pelvica. L’ecografia può mostrare l’embrione nell’utero e confermare la gravidanza.

È importante ricordare che la diagnosi di perdite da impianto può essere difficile, poiché i sintomi possono variare da donna a donna e possono essere simili a quelli di altre condizioni. Di fronte a qualsiasi dubbio o preoccupazione, il consiglio è sempre quello di consultare un medico o un professionista sanitario.

 

Le perdite da impianto e la probabilità di gravidanza

Le perdite da impianto sono un fenomeno che si verifica in seguito all’annidamento dell’embrione nell’endometrio, quindi sono potenzialmente un primo segno di gravidanza. Tuttavia, non tutte le donne che diventano incinte sperimentano le perdite da impianto. Alcune ricerche suggeriscono che circa il 20-30% delle donne incinte potrebbero sperimentare le perdite da impianto.

Ciò significa che, anche se avete avuto delle perdite da impianto, non è una garanzia al 100% che siete incinte. Allo stesso modo, se non avete sperimentato le perdite da impianto, non significa necessariamente che non siete incinte. Ci sono molti altri segni e sintomi di gravidanza che possono comparire, come l’affaticamento, l’aumento della sensibilità al seno, la nausea e la frequente minzione.

Le perdite da impianto, se presenti, possono comunque rappresentare un primo indicatore di una possibile gravidanza. Se pensate di poter essere incinte e avete sperimentato una perdita leggera e di breve durata, potrebbe essere utile eseguire un test di gravidanza. Come sempre, in caso di dubbi o preoccupazioni, è consigliato consultare un medico o un professionista sanitario.

 

Le cause delle perdite da impianto

Le perdite da impianto sono causate dall’attaccamento dell’embrione all’endometrio, la parete interna dell’utero. Durante questo processo, chiamato impianto, l’embrione si insinua nell’endometrio, causando una leggera perdita di sangue. Questo è un normale processo fisiologico che può verificarsi nelle fasi iniziali della gravidanza.

Tuttavia, non tutte le donne sperimentano le perdite da impianto. Ciò può dipendere da vari fattori, tra cui le differenze individuali nella fisiologia e nel ciclo mestruale, la durata dell’embrione e la velocità del processo di impianto. Alcune donne potrebbero non notare le perdite da impianto semplicemente perché sono molto leggere o brevi.

È anche possibile che fattori come lo stress, l’uso di contraccettivi ormonali o determinate condizioni mediche possano influenzare la probabilità di sperimentare perdite da impianto. Tuttavia, queste sono aree di ricerca ancora in fase di studio e non esistono conclusioni definitive.

In generale, se avete sperimentato una perdita leggera e di breve durata e pensate di poter essere incinte, è consigliabile consultare un medico o un professionista sanitario. Essi possono aiutare a determinare se le perdite che avete sperimentato sono perdite da impianto o se possono essere dovute a altre cause.

 

Perdite da impianto e fertilità assistita

Nel contesto delle tecniche di fertilità assistita, come la fecondazione in vitro (FIV), le perdite da impianto possono essere un segno particolarmente importante. Durante un ciclo di IVF, un ovulo viene fecondato in laboratorio e l’embrione risultante viene poi trasferito nell’utero. Successivamente, si attende di vedere se l’embrione si impianta con successo nell’endometrio.

Le perdite da impianto possono essere un segno precoce che l’embrione si è impiantato correttamente. Tuttavia, come con le gravidanze naturali, non tutte le donne che subiscono un trasferimento di embrioni in un ciclo di FIV sperimentano le perdite da impianto. Inoltre, il fatto di non sperimentare perdite da impianto non implica necessariamente che il trasferimento dell’embrione non sia stato un successo.

Se siete in un percorso di fertilità assistita e sospettate di avere avuto delle perdite da impianto, è consigliato di discuterne con il vostro medico o con la clinica di fertilità. Essi possono consigliare ulteriori test o monitoraggi per confermare se l’embrione si è impiantato con successo.

È importante sottolineare che la presenza o l’assenza di perdite da impianto non sono l’unico indicatore di successo di una procedura di FIV. Altri sintomi come l’affaticamento, il gonfiore o il dolore pelvico, possono essere presenti. Come sempre, il miglior consiglio è di mantenere una comunicazione aperta e onesta con il vostro medico o la vostra clinica di fertilità per qualsiasi dubbio o preoccupazione.

 

Perdite da impianto e sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una condizione comune che può causare cicli mestruali irregolari, tra gli altri sintomi. Ciò può rendere più difficile per le donne con PCOS distinguere le perdite da impianto da una mestruazione irregolare o da un sanguinamento intermestruale.

Sindrome ovaio policistico

Le perdite da impianto nelle donne con PCOS possono manifestarsi allo stesso modo delle donne senza la condizione: una perdita leggera e di breve durata che si verifica circa una o due settimane dopo l’ovulazione. Tuttavia, a causa dell’irregolarità del ciclo mestruale che spesso accompagna la PCOS, potrebbe essere più difficile prevedere quando si verifica l’ovulazione e quindi quando potrebbe verificarsi un’eventuale perdita da impianto.

Inoltre, la PCOS può a volte causare sanguinamenti leggeri o spotting tra le mestruazioni, che potrebbe essere confuso con le perdite da impianto. Se avete la PCOS e sperimentate un sanguinamento leggero, potrebbe essere utile consultare un medico o un professionista sanitario per determinare la causa.

In generale, se avete la PCOS e siete in cerca di una gravidanza, è importante discutere le vostre preoccupazioni e domande con un medico. Essi possono aiutare a capire meglio i vostri cicli mestruali, a prevedere l’ovulazione e a identificare eventuali sintomi di gravidanza, comprese le perdite da impianto.

 

Perdite da impianto vs spotting pre-mestruale

Molte donne sperimentano un leggero sanguinamento o spotting poco prima dell’inizio delle mestruazioni. Questo spotting pre-mestruale può a volte essere confuso con le perdite da impianto, poiché entrambi si verificano in tempi simili nel ciclo mestruale. Tuttavia, ci sono alcune differenze chiave tra i due.

Le perdite da impianto si verificano generalmente 6-12 giorni dopo l’ovulazione, quindi un po’ prima del previsto inizio del ciclo mestruale. Tendono ad essere leggere, di breve durata, e possono essere accompagnate da sintomi lievi come crampi o sensibilità al seno. Il colore del sanguinamento può variare da rosa pallido a marrone.

D’altro canto, lo spotting pre-mestruale si verifica solitamente un paio di giorni prima dell’inizio del ciclo mestruale e può diventare più pesante man mano che le mestruazioni iniziano. Il colore dello spotting pre-mestruale è generalmente rosso brillante o rosso scuro, a differenza delle perdite da impianto.

Se sperimentate un sanguinamento leggero e non siete sicure se si tratta di perdite da impianto o di spotting pre-mestruale, potrebbe essere utile consultare un medico. Possono aiutare a determinare la causa del sanguinamento e, se sospettate di poter essere incinte, possono consigliare un test di gravidanza appropriato.

 

Mitigazione dei sintomi delle perdite da impianto

Se sperimentate delle perdite da impianto, potreste anche riscontrare alcuni sintomi fisici o disagi. Ecco alcuni suggerimenti su come poterli gestire.

Per le lievi crampi che possono accompagnare le perdite da impianto, potete provare a fare degli esercizi di rilassamento o di stretching, come lo yoga o la meditazione. Anche applicare un panno caldo sulla pancia può aiutare a lenire il disagio. Se i crampi sono più intensi, potrebbe essere utile consultare un medico che potrebbe suggerire dei farmaci da banco per alleviare il dolore.

Dolori addominali perdite da impianto

Per la sensibilità al seno, indossare un reggiseno confortevole e di supporto può aiutare. Alcune donne trovano anche utile evitare i caffeinici, che possono a volte aggravare la sensibilità al seno.

Se le perdite da impianto causano ansia o stress, può essere utile parlare con un consulente o un terapeuta. Sappiate che è normale provare una gamma di emozioni durante questo periodo e non c’è nulla di sbagliato nel cercare aiuto per gestire questi sentimenti.

Ricordate, se i sintomi diventano gravi o persistenti, è importante consultare un medico. Essi possono escludere altre condizioni e fornire consigli appropriati per il vostro caso specifico.

 

Impatto psicologico delle perdite da impianto

Le perdite da impianto non hanno solo un impatto fisico, ma possono anche avere un effetto significativo sulla salute mentale di una donna. L’incertezza e l’ansia di non sapere se queste perdite sono un segno di gravidanza o qualcosa di diverso possono essere stressanti. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti su come affrontare queste sfide emotive.

Prima di tutto, è importante ricordare che non siete sole. Molti altri hanno attraversato e stanno attraversando situazioni simili. Potrebbe essere utile cercare il supporto di amici, familiari o gruppi di supporto online dove potete condividere le vostre esperienze e sentire quelle degli altri.

Praticare la mindfulness e altre tecniche di rilassamento può aiutare a gestire lo stress e l’ansia. Questo potrebbe includere la meditazione, lo yoga, la respirazione profonda o altre tecniche di rilassamento.

Se le vostre emozioni diventano schiaccianti, può essere utile consultare un professionista della salute mentale. I terapisti o i consulenti possono fornire strategie e strumenti per gestire l’ansia e lo stress, e possono offrire un ambiente sicuro per esprimere i vostri sentimenti.

Infine, se state cercando di concepire e sperimentate delle perdite da impianto, ricordatevi di prendervi cura di voi stesse. Nutrire il corpo con cibo sano, fare esercizio regolare e assicurarsi di avere un sonno adeguato può fare molto per la vostra salute fisica e mentale.

 

Falsi miti sulle perdite da impianto

Esistono molti miti sulle perdite da impianto che possono confondere o ingannare. Ecco alcuni dei più comuni e la verità dietro di loro:

  1. Tutte le donne incinte sperimentano le perdite da impianto
    La verità è che non tutte le donne incinte sperimentano le perdite da impianto. Anche se è abbastanza comune, molte donne non notano alcun sanguinamento o lo confondono con le mestruazioni.
  2. Le perdite da impianto sono un segno sicuro di gravidanza
    Non necessariamente. Sebbene le perdite da impianto possano essere un primo segno di gravidanza, non tutte le donne le sperimentano. Inoltre, il sanguinamento leggero può anche essere causato da altre condizioni, come le mestruazioni o una infezione.
  3. Le perdite da impianto sono pesanti e durano a lungo
    In realtà, le perdite da impianto tendono ad essere leggere e di breve durata. Se il sanguinamento è pesante o persistente, è importante consultare un medico.
  4. Le perdite da impianto sono un segno di un problema
    In generale, le perdite da impianto non sono un segno di un problema e non influenzano la possibilità di avere una gravidanza sana. Tuttavia, se avete delle preoccupazioni, è sempre una buona idea parlarne con il vostro medico.

 

Quanto durano le perdite da impianto?

Le perdite da impianto hanno una durata che varia in base all’individuo. Solitamente durano pochi giorni, ma vi sono casi di pazienti che hanno sperimentato questo fenomeno anche per qualche settimana. In caso si prolungasse per molto tempo, è meglio fare una valutazione approfondita per escludere qualsiasi altra patologia. Le perdite ematiche durante la gravidanza generano infatti molto spavento per le donne, che temono di essere a rischio di aborto.

Generalmente si consiglia di contattare immediatamente il ginecologo qualora si trovino tracce di sangue e nel caso in cui queste ultime si prolunghino per troppo tempo. Un’altra delle indicazioni più importanti in questo periodo delicato, è quella di evitare di utilizzare assorbenti interni per scongiurare infezioni e mettere a rischio la vita dell’embrione.

È importante poi non confondere le perdite da impianto con sanguinamenti dovuti a infezioni, come la cistite, la quale molto spesso provoca piccole emorragie nel tratto urinario. Inoltre, anche se avere dei normali rapporti sessuali non mette rischio la donna durante la sua gravidanza, è meglio sospenderli qualora si verifichino delle perdite, fino al benestare del ginecologo.

Queste emorragie, inoltre, non si verificano in tutte le gravidanze, ma come abbiamo accennato moltissime donne non presentano alcun sintomo nel momento in cui restano incinte. La presenza o l’assenza di queste perdite non aiuta infatti a riconoscere una gravidanza, ma serve rivolgersi al medico ginecologo che ne accerterà le cause. Insomma, questo fenomeno è una questione individuale, che si verifica diversamente in base allo stato di salute della donna e al momento dell’ovulazione.

Non sempre, infatti, il flusso di sangue è leggero, ma può capitare di avere una compresenza di sangue e muco vaginale, che rende la perdita molto più abbondante. Tra le domande che le donne si pongono maggiormente quando cercano un bambino vi è proprio quella che riguarda l’abbondanza di queste perdite, soprattutto al fine di non confonderle con il normale flusso mestruale. Ricordiamo, che non basta un test di gravidanza per restare tranquille, ma in assenza di ciclo e con il verificarsi di eventuale spotting, è meglio capirne al più presto la causa con un esperto.

 

Quando rivolgersi al medico

Come possiamo facilmente immaginare, la gravidanza è un periodo molto delicato per ogni donna. Ecco perché, soprattutto nel primo trimestre si tende ad essere piuttosto preoccupate rispetto alla salute dell’embrione e alla buona riuscita della gravidanza. Come affermano molti ginecologi durante le prime visite di controllo, può accadere che vi siano piccole secrezioni vaginali durante i primi tempi, e questo non deve destare preoccupazione, soprattutto se ci si sottopone costantemente a visite mediche.

Gli esperti concordano nel tranquillizzare le neomamme rispetto alle perdite vaginali, che sono innocue quando sono trasparenti o biancastre. In questo caso, il fenomeno viene chiamato leucorrea gravidica fisiologica. A destare preoccupazione sono invece quelle perdite che tendono al verde o al giallo, o ancora, con una consistenza densa di colore bianco. Se sono maleodoranti e abbondanti è bene contattare il prima possibile il ginecologo, poiché si potrebbe essere di fronte ad un’infezione vaginale che richiede un tampone per accertarne la natura e procedere con la cura giusta.

Le uniche perdite a destare preoccupazione durante la gravidanza sono quelle che coinvolgono il secondo e il terzo trimestre, i due mesi in cui si potrebbe verificare un distacco della placenta, andando incontro ad una preoccupante minaccia d’aborto. Se le perdite avvengono prima della 37ª settimana, si potrebbe essere di fronte ad un parto prematuro e quindi, ad un travaglio pretermine con contrazioni che superano il normale numero fisiologico.

Per questo motivo, molti medici consigliano di sottoporsi periodicamente a controlli volti ad escludere qualsiasi tipo di problematica, soprattutto nel caso in cui tra i sintomi vi siano perdite di sangue anomale.

Il vademecum che riguarda il periodo della gravidanza recita infatti che è necessario rivolgersi al ginecologo ogni qualvolta si verifichino perdite ematiche fuori dal ciclo, ma questo vale per tutte le donne, anche coloro che non cercano un figlio. Il primo consiglio è quindi quello di evitare il “fai da te”, rivolgendosi al medico per eseguire esami richiesti dallo specialista. Una perdita ematica al di fuori della mestruazione può essere normale nella maggioranza dei casi, mentre può accadere che dietro adesso si nasconda un’infezione o una vera e propria patologia.

 

 

Domande frequenti sulle perdite da impianto

  1. Domanda: Che cos’è l’impianto dell’embrione?
    Risposta: L’impianto dell’embrione è il processo in cui l’embrione si attacca alla parete dell’utero. Questo avviene generalmente 6-10 giorni dopo il concepimento.
  2. Domanda: Le perdite da impianto sono comuni?
    Risposta: Sì, le perdite da impianto sono abbastanza comuni e si verificano in circa il 20-30% delle gravidanze.
  3. Domanda: Come si riconoscono le perdite da impianto?
    Risposta: Le perdite da impianto sono generalmente leggere e di breve durata, con una colorazione che può variare dal rosa chiaro al marrone scuro.
  4. Domanda: Le perdite da impianto sono segno di qualcosa di grave?
    Risposta: Di solito no, le perdite da impianto sono considerate normali. Tuttavia, se accompagnate da dolore o se sono particolarmente abbondanti, è consigliabile consultare un medico.
  5. Domanda: Quanto durano le perdite da impianto?
    Risposta: Le perdite da impianto durano solitamente pochi giorni e sono molto meno abbondanti rispetto a un normale ciclo mestruale.
  6. Domanda: C’è differenza tra le perdite da impianto e le mestruazioni?
    Risposta: Sì, le perdite da impianto sono generalmente più leggere e di breve durata rispetto alle mestruazioni, e la colorazione può essere diversa.
  7. Domanda: L’impianto può causare dolore?
    Risposta: Alcune donne possono sperimentare lievi crampi o disagio durante l’impianto, ma di solito è molto lieve.
  8. Domanda: Quando dovrei fare un test di gravidanza dopo aver notato le perdite da impianto?
    Risposta: È consigliabile aspettare almeno una settimana dopo la presunta data delle perdite da impianto prima di fare un test di gravidanza per risultati più accurati.
  9. Domanda: Le perdite da impianto possono essere prevenute?
    Risposta: Le perdite da impianto sono un processo naturale e non possono essere prevenute. Sono un normale segno dell’inizio della gravidanza.
  10. Domanda: Quando dovrei consultare un medico in caso di perdite?
    Risposta: Consulta un medico se le perdite sono accompagnate da dolore intenso, se sono particolarmente abbondanti o se hai altri sintomi che ti preoccupano.
Autore
Dott.ssa Priscilla Andrade

Dott.ssa Priscilla Andrade

Ginecologa presso Clinica Fertilab Barcelona

Data di pubblicazione
8 Febbraio 2022
Data di aggiornamento
24 Gennaio 2024

Articoli correlati

Perdite bianche in gravidanza

Perdite bianche prima del ciclo: quali sono i motivi?

Nella maggior parte dei casi si tratta di un evento del tutto normale, finalizzato alla creazione di un film mucoso adatto a proteggere la donna dall’insorgenza di infezioni. Esistono però dei casi in cui la loro presenza accompagnata anche da altri sintomi, può essere un segnale preoccupante, come nel caso in cui dovessero essere particolarmente abbondanti o presentarsi con bruciore, prurito e cattivo odore.   Perdite bianche e ciclo mestruale

Colore e tipo delle perdite vaginali

Perdite vaginali, tipologie e colore, cosa c’è da sapere?

Le perdite vaginali normali Per poter fare una distinzione tra le perdite vaginali innocue e quelle anomale, è essenziale effettuare un’osservazione delle loro caratteristiche, prestando molta attenzione a questi 5 fattori: l’odore, il colore, la densità, la frequenza di comparsa e i sintomi correlati come il prurito e il bruciore vaginale.   Come riconoscere le perdite inconsuete in base al colore Le secrezioni vaginali sono sicuramente molto comuni a ogni

I sintomi della gravidanza

I sintomi iniziali della gravidanza

Quali sono i sintomi precoci di gravidanza Il primo sintomo di una gravidanza è sicuramente l’assenza di mestruazioni o il cosiddetto “ritardo”. Solitamente chi ha un ciclo regolare si rende conto immediatamente di un eventuale ritardo o di essere incinta proprio per la mancanza delle mestruazioni. Ci sono dei casi in cui, però, possono esserci delle perdite da impianto che possono simulare le mestruazioni, oppure potrebbe esserci un falso ciclo,

Gravidanza biochimica

Gravidanza biochimica: posso rimanere incinta di nuovo?

Cause della gravidanza biochimica I motivi legati all’avvenimento di una gravidanza biochimica sono molteplici, e non si differenziano poi molto da quelli che provocano ogni altro tipo di aborto spontaneo: in primo luogo l’aneuploidia dell’embrione (termine con cui si intende un’alterazione del numero dei cromosomi), o anomalie che riguardano la struttura uterina materna. È stato a quest’ultimo scopo eseguito uno studio che ha individuato come le gravidanze biochimiche interessino maggiormente

Mestruazioni in gravidanza

Si può essere incinta ed avere le mestruazioni?

Si può essere incinta e avere le mestruazioni: differenze tra mestruazioni e sanguinamento. Quando una donna rimane incinta smette di avere il ciclo. In effetti, il primo e principale sintomo della gravidanza è l’assenza di mestruazioni. Ogni mese l’utero della donna si predispone a ricevere una gravidanza e quando ciò non si verifica inizia la fase mestruale. Perché ciò avvenga, la donna deve aver rilasciato in precedenza un ovocita che non è

Sintomi transfer embrioni positivo

Sintomi positivi dopo transfer embrionale: come riconoscerli?

I sintomi dell’avvenuta gravidanza dopo transfer sono quelli tipici che si possono osservare anche in seguito ad una fecondazione naturale, come per esempio: Leggero spotting definito anche come perdite da impianto; Crampi simili a quelli mestruali; Tensione mammaria; Stanchezza; Nausea; Gonfiore; Perdite vaginali; Stimolo continuo ad urinare. È logico ovviamente che tutti questi sintomi non siano accompagnati anche da perdite vaginali che invece possono corrispondere a ciclo mestruale o ad

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Compila il modulo e ti ricontatteremo in brevissimo tempo.

BABY Ferti Programma di gravidanza garantita
BABY Ferti - Programma di gravidanza garantita con Ovodonazione
Il tuo bimbo a casa o ti rimborsiamo il 100% dell'importo.
Scopri di più